English

 

La visita alla "Native Primary & Upper School"

 gennaio 2015

 

Click per visitare la pagina delle foto
Click sulla foto per visitare la pagina delle immagini

La relazione della nostra visita in India

dal 27 dicembre 2014 al 10 gennaio 2015

 

Siamo stati alla scuola per tre giorni ed avevamo 4 obbiettivi precisi:

  1. Accertare e pianificare ciò che è necessario per l’ultimazione della cucina e della sala mensa.

  2. Controllare lo stato del progresso dopo l’ultima visita nel 2013, e verificare quanto lo staff sia stato in grado di mantenere le linee guida che erano state concordate.

  3. Incoraggiare ed accertare ulteriori necessita'.

  4. Trascorrere di un po' di tempo assieme ai bambini.

Insieme ad Edgar siamo riusciti a delineare alcune nuove idee mentre gustavamo non solo il caffè ma anche del panettone italiano che abbiamo portato per tutti. Ho incontrato una nuova insegnante, l’altra purtroppo era ammalata e non ho potuto conoscerla. E’ stato bellissimo essere la'. I bambini sono sempre molto cari e veramente entusiasti di vederci. Ho avuto tempo per fare un vero sopralluogo e vedere lo sviluppo di un nuovo giardino dietro l'edificio dove ci sono i lavandini per lavare le mani. Tutto era molto ordinato e pulito. Una vera trasformazione!

La preparazione della Sala Mensa

Subito siamo riusciti a mettere alcune idee nuove in pratica. A pranzo ho aiutato la riorganizzazione dei bambini più piccoli in modo che possano consumare il loro pranzo nella loro aula. C’era già stata un’ampia discussione sulla sala mensa e come poteva essere utilizzata con le nuove tavole e panche. La nuova idea é che i bambini più piccoli possono restare nella loro aula che è molto grande e questo ha risolto due difficoltà: la prima, di fatto la mensa non è sufficientemente grande per ospitare tutti i bambini contemporaneamnte, e la seconda: le tavole sono troppo alte per i bambini più piccoli. Quest’ idea ha funzionato molto bene. Si sono riorganizzati velocemente ed il pranzo è stato portato a loro e servito nell’aula grande. A tutti é piaciuto. E’ stato bello vedere nei giorni successivi come i bambini restavano seduti alle loro tavole mangiando con cucchiai. Si sono subito adattati a questa novità, quasi fosse normale per loro. Ora la mensa potrà facilmente accogliere le classi degli anni successivi, 2/3,4/5,6/7, in una sola seduta. Il pomeriggio di lunedì le nuove tavole per la mensa sono arrivate insieme al nuovo frigo e rapidamente installati. Fantastico! Poi quattordici vecchie panche che erano state messe sul tetto sono state portate giù per essere ripulite, modificate e rimesse in servizio. Questo aiuta a contenere i costi e serviranno molto bene. Abbiamo fatto una prova con una decina di ragazzi per verificare la nuova sistemazione. Il risultato? Dieci facce sorridenti!

Con Edgar e Tabitha abbiamo guardato la cucina per vedere ciò che andava completato prima dell’arrivo del falegname. Abbiamo deciso che oltre alle dieci tavole nuove ed il frigo, bisogna installare:

  • Due nuovi lavandini

  • Due fornelli più grandi per le pentole più grandi

  • Delle porte per chiudere gli scaffali in basso fino al livello del frigo – in colore blu in armonia con tutto il resto della scuola

  • Un grande tavolo centrale per il lavoro

  • Due lastre di marmo per coprire il tavolo ed il punto di servizio del cibo.

  • Vetro per le parti alte delle finestre della cucina e sala mensa

  • Delle leggere reti metalliche, tipo zanzariere, per le altre finestre

  • Le panche saranno rinnovate e dipinte

Di cuore ringraziamo tutti gli amici che hanno contribuito finanziariamente perché tutto questo sia possibile

Mentre eravamo lì, abbiamo provveduto all’acquisto di 100 nuovi piatti, 100 bicchieri, 80 forchette, e 6 bacinelle, ed 8 brocche. Tutti sono costruiti con un metallo che non arrugginisce.

Martedì mattina, insieme a Paul, abbiamo fatto un giro delle classi distribuendo penne e matite ad ogni bambino. Queste sono state donate da alcuni degli studenti dei Corsi di Inglese che teniamo a Vicenza e da una cartoleria di Ferrara. Paul ha anche donato a ciascun bambino una moneta italiana insegnandoli come ognuna porta una data che conta gli anni dalla venuta di Gesù. Gli abbiamo fatto anche assaggiare il famoso Panettone che avevamo portato dall’Italia. Squisito! Sono stati momenti molto belli e festosi e siamo rimasti sbalorditi dal fatto che non avevano dimenticato la canzone in italiano che li avevamo insegnati durante la nostra ultima visita: “Gesù ama tutti tutti bimbi”.

Mercoledì ho avuto del tempo per guardare i lavori che i bambini fanno nei primissimi anni. Sono bravi e fanno degli ottimi lavori! Hanno un ottima insegnante, Rajani. I bambini sono veramente bravi a disegnare ed i loro quadri appesi alle pareti delle aule sono molto belli. Mentre più tardi stavo girando per l’edificio della scuola, ho ringraziato di cuore il Signore per come Egli ha provveduto alla realizzazione di tutto cio', ed anche per la consacrazione di tutti quelli che ne hanno fatto parte. Dato che mancavano totalmente, siamo stati contenti di acquistare nuovi pastelli e delle matite colorate che abbiamo distribuito alle prime classi. Tabitha e MV sono bravissimi a fare tutto ciò che possono fare entro i ristretti limiti finanziari. Nel pomeriggio Paul ha avuto un suo momento particolare quando ha potuto insegnare la Bibbia a tutta la scuola. Ogni mercoledì pomeriggio il pastore Sundar conduce la scuola in un insegnamento biblico e questa volta e' stato molto molto contento di invitare Paul a farlo.

La giornata si è conclusa con dei giochi all'aperto. Paul ha insegnato ai bambini due nuovi giochi: ‘palla avvelenata’ e ‘pallamano’. Formando squadre tutti correvano all’interno di un’area demarcata sulla terra. Sono molto competitivi e dai bordi applaudivamo ed urlavamo incoraggiamenti. Era un bel modo di concludere la nostra breve visita.

 

I nostri obbiettivi sono stati realizzati abbondantemente.

  • La cucina e la mensa sono quasi completate

  • Molti dei nuovi suggerimenti e linee guida sono ormai consolidati. La scuola è molto pulita ed in buon ordine. Le aule sono molto attraenti con delle belle bacheche e striscioni colorati. L’orario delle lezioni è più efficiente. I bambini più piccoli hanno imparato a lavarsi le mani ed hanno biscotti e latte durante la mattina. L’ora di pranzo è puntuale e i bambini più piccoli mangiano nelle loro aule. Tutti i lavori scritti dei bambini sono molto precisi e ben presentati. Ovunque, c’è un senso di voler mantenere un grado alto di impegno. Lo sviluppo globale della scuola è molto, molto buono.


Per altre informazioni

Se qualcuno gradisce più informazioni sulla storia della scuola, la sua nascita, la sua locazione ed il suo sviluppo, può consultare il sito: www.nativeonlus.it

Frances Finch

Click sulla foto per visitare la pagina delle immagini

                                                                         

   Se vuoi contribuire al mantenimento e allo sviluppo della scuola, e se vuoi fare una donazione puoi trovare qui tutti i riferimenti bancari.

NATIVE ONLUS
email:
nativeonlus@gmail.com

 

 

Webmaster - (last update:14-12-2018)